SCUOLA CALCIO

SCUOLA CALCIO

La nostra scuola calcio si propone come finalità quella di cercare di inserirsi tra le componenti sociali che danno luogo allo sviluppo della personalità del bambino (insieme alla famiglia, alla scuola, alle amicizie, ecc.).

Una volta riscoperto questo “gioco” come divertimento, tentiamo di riappropriarci dei valori altamente socializzanti che questo sport propone. Lo spirito di gruppo, il rispetto del materiale assegnato, il momento socializzante all’interno dello spogliatoio, la gioia della vittoria sono solo alcuni dei momenti più significativi..

Aspetto psicomotorio

E’ nostra intenzione progettare un intervento, decisivo ed incisivo, realizzando strategie educative tali da assecondare l’armonico sviluppo psicomotorio del bambino. Per ottenere ciò l’attività motoria deve essere corretta ed adeguata sopratutto alle reali possibilità degli allievi.

E’ opportuno privilegiare lo studio di ogni singolo individuo perchè egli darà risposte alle varie sollecitazioni in modo del tutto personale, a seconda dell’abilità raggiunta. E’ necessario che, nell’organismo in via di sviluppo, l’attività motoria sia:

  • Progressiva
  • Continuata nel tempo
  • Varia ed attentamente dosata

Programmi

La programmazione didattica prevede interventi mirati in relazione all’età ed al livello del singolo. Le attività, specialmente per i più piccoli, sono impostate sul gioco in modo da rendere le lezioni divertenti e motivanti. Soltanto successivamente i contenuti saranno più specifici con connotati Tecnico-Tattici adeguati alla crescita tecnica e motoria degli allievi.

Scuola calcio per livelli di apprendimento

  • I° livello 6-8 anni (piccoli amici)

Attività base preparatoria (schema motorio, schema posturale, capacità coordinative generali) con metodologia globale, attraverso giochi presi anche da altri sport o giochi tradizionali o esercitazioni gioiose preparatorie al calcio. Si tratta di un approccio al calcio senza forzature, ricreando di più l’aspetto di inserimento alla socializzazione.

  • II° livello 8-10 anni (pulcini)

Attività di base preparatoria e polivalente nella quale le attività addestrative cominciano a delinearsi di più verso il calcio, con insegnamento della tecnica in situazioni semplici di gioco. Obiettivi predominanti sono lo sviluppo delle capacità coordinative, della mobilità articolare e della rapidità.

  1. Pulcini 2006: Partita 5 contro 5
  2. Pulcini 2005: Partita 6 contro 6
  3. Pulcini 2004: Partita 7 contro 7
  • III° livello 10-12 anni (esordienti)

E’ il periodo dello sviluppo della tecnica individuale anche in situazioni variabili e più complesse, proponendo però ancora giochi e attività polivalenti per lo sviluppo delle capacità coordinative generali e specifiche e per l’acquisizione delle capacità tattiche, condizionali e psicologiche. La scuola calcio crea lo spirito di gruppo, si insegnano le regole di comportamento tra compagni e nei confronti degli avversari. La metodologia si sviluppa in contesto globale-analitico-globale.

  1. Esordienti 2003: Partita 7 contro 7 – 9 contro 9
  2. Esordienti 2002: Partita 9 contro 9 – 11 contro 11

Carta dei diritti del ragazzo nello sport (Ginevra 1192, Commissione Tempo Libero O.N.U)

  • Il diritto di divertirsi e giocare
  • Il diritto di fare sport
  • Il diritto di beneficiare di un ambiente sano
  • Il diritto di essere circondato ed allenato da persone competenti
  • Il diritto di seguire allenamenti adeguati ai suoi ritmi
  • Il diritto di misurarsi con giovani che abbiano le sue stesse possibilità di successo
  • Il diritto di partecipare a competizioni adeguate alla sua età
  • Il diritto di praticare sport in assoluta sicurezza
  • Il diritto di avere i giusti tempi di riposo
  • Il diritto di non essere un campione